VieSelvagge
VieSelvagge

Una lunghissima escursione di crinale appenninico

Finalmente abbiamo avuto una giornata di vera primavera. Oltre un mese di giornate piovose, fredde e spesso annuvolate. L'nstabilità e il cielo grigio sono state la costante di questi ultimi fine settimana nel nord Italia.

Finalmente le previsioni annunciavano una domenica di bel tempo e temperature più consone alla stagione. In questa giornata Le Vie Selvagge ha portato un bel gruppetto di escursionisti a percorrere il lungo ma assolutamente panoramico e alpino crinale nel Parco Naturale delle Capanne di Marcarolo tra il Monte Leco e il Monte Tobbio. nel mezzo abbiamo salito anche altre due cime portanto i miei prodi escursionisti su ben tre cime distinte.

Siamo partiti con una splendida vista sul mare di Genova in lontananza.

IMG20240526102329 960

Poi un bel traverso sotto il Monte Leco che non merita la salita visto l'assembramento di antenne, così ci portiamo direttamente sul crinale che raggiunge il Monte Taccone. Qui prendo la piega del dritto per dritto, il percorso originale effettua un lungo aggiramento dell'anticima e vista la pendenza abbordabile e il poco dislivello la affronto di petto ed eccoci sulla cresta dell'anticima

IMG20240526111028 960

Un pizzico di pausa per raggrupparci e siamo pronti per la rampetta finale che ci porta sulla prima cima il Monte Taccone

IMG20240526113154 960

Pausa foto, panorami a go go e qualche chiacchera e siamo pronti a partire di nuovo. Oggi la traversata è piuttosto lunga quindi le pause devono essere più misurate e noi abbiamo voglia di fare il pieno di panorami e fiori.

Piccola discesa e raggiungiamo delle meravigliose praterie con i piccoli pini contorti e prostrati dal vento che spira su questi crinali tra mare e pianura.

Discesa e salita e siamo sulla seconda cima degna di nota il Monte Figne. Qui ci appare il Lago del Gorzente. In realtà sono due laghi ma la diga ne fa da spartiacque. Qui ci fermiamo per la pausa pranzo con vista panoramica. Una nuvola ci copre il sole e un'arietta fresca ci raffredda un pizzico. Dopo la focaccia facciamo armi e bagagli e ripartiamo. Un piccolo tratto in cresta e si scende in maniera diretta fino al colle sottostante. Ora abbiamo un tratto di strada in piano e poi ci immettiamo sul sentiero roccioso che ci porta all'ultimo passo della giornata.

Dal passo lascio la facoltà di salire o meno la cima visto che si scende di nuovo al passo per proseguire verso Voltaggio. Ma vedo che anche chi era indeciso all'inizio vuole tentare l'ultima fatica della giornata.

IMG20240526144206 960

La salita non è difficile ma compie dei lunghi zig zag per smorzare la pendenza e il terreno roccioso. In circa quaranta minuti raggiungiamo la terza e ultima cima dalla quale vediamo tutto il lungo percorso affrontato fino ad ora. Il mare è ormai sparito dietro le colline e la foschia mentre di fronte a noi la pianura padana e l'arco alpino chiuso dalle nubi di calore di questa fredda e perturbata primavera.

Scendiamo per lo stesso percorso fino al colle e da qui percorrendo il lungo sentiero della Val Morsone che con un lungo ma piacevole percorso ci porta con le ultime energie nel piccolo paesino di Voltaggio.

Recuperiamo l'auto lasciata al passo della partenza e via che rientriamo a Milano senza traffico e lisci come l'olio.

Grazie a tutti per aver partecipato a questa lunga traversata e alla prossima avventura.

IMG20240526122928 960

GUARDA IL FOTOALBUM COMPLETO SU GOOGLE FOTO

  Le Vie Selvagge di Davide Adamo
  Via Monte Rosa 40
20081 ABBIATEGRASSO (MI)

 Tel.: +39 347 38 63 474
 Email: info@levieselvagge.it

SEGUICI SUI SOCIAL

InstagramFacebookYoutubeTripadvisor

Escursionisti in linea

Abbiamo 564 ospiti e nessun utente online